AlCaPhoto

   - Dai! Dai! Fatti sotto se ne hai il coraggio!!! -

Dice un piccolo stambecco, alzandosi in piedi sulle zampe posteriori, provocando un compagno di giochi di qualche inverno più grande di lui…

   - Su, Su! Fatti sotto!! - esclama …


Immagina…. immagina di essere al limitare della vegetazione… lo scricchiolio della neve ad ogni passo... il soffio del vento che si mescola con il profumo della resina di pino cembro. Le nocciolaie ti volano attorno…

In sottofondo odi il martellare di un picchio intento a procurarsi del cibo … tac, tac, tac, tac su un tronco... rami che si spezzano… ti fermi… ascolti… nel fragoroso silenzio si leva il sipario.


Un nonno dalle lunghissime corna si sposta. Là dove la neve ha fatto posto alla prima tenera erba di stagione. Fischia, attira l’attenzione di nipotini e adulti del branco…

   - Ragazzi, venite! -

Tranquilli e sicuri zampettano seguendo le sue orme…

Il nonno si ferma, controlla con occhio esperto se il suo branco è al completo. Per la miseria, ne manca uno!

Volta il capo maestosamente cinto dalle lunghe corna e con un fischio assordante urla:

   - Dove sei, birbante? Vieni subito qui! -

L’intero branco si ferma e osserva…. il piccolo, sorpreso, con una fulminea e saltellante corsa, si appresta a raggiungere i compagni, ma di colpo si arresta. Qualcosa sotto i suoi zoccoli lo blocca all'istante. Con sguardo perso e terrificato si guarda intorno:

Ahhhh ! Dove sono finito? Cos’è sta roba molle, scivolosa e fredda? Chi? Chi o cosa mi avvolge e trattiene gli zoccoli e le zampe? Immobile, guarda i suoi pari… prima uno, poi un altro e un altro ancora….  i suoi fratelli più grandi sghignazzano sotto i baffi e in coro gli sbraitano:

   - Daiii cacasotto!! È neve, solo neveeeee!!! -


Poter catturare in immagini questi momenti, queste creature silenziose, questi straordinari testimoni di ingegnosa sopravvivenza, è la mia ossessione. Seguimi, ti accompagno nel mio mondo. Sulle mie montagne. In compagnia del Re delle Alpi, spinto dal desiderio irrefrenabile, di riappropriarsi delle rocce e degli anfratti, rimasti sommersi dalla neve e dal ghiaccio per un lungo inverno....




     - Tscha, neu, sche ti has curascha!!! -

Di in pign capricorn, semettend sillas combas davos, provocond in cumpogn de giug ch’ei enqual unviern pli vegls chʼel…

     - Tscha, neu!! - excloma el…


S’imaginescha… s’imaginescha ded esser al cunfin della vegetaziun… il sgriziar della neiv cun mintga pass… il flad dil suffel che semischeida cun l’odur della rascha schiember. Las sgagias cul tac alv sgulatschan entuorn tei…

Davostier audas ti il marclar dʼin petgalenn ch’enquera de magliar… tac, tac, tac, tac sin in best… roma che sfracca …

ti sefermas… teidlas… el silenzi fraccassond sesarva la tenda.


In tat cun lunghezia corna sesposta. Leu nua che la neiv ha fatg plaz allʼemprema jarva delicata della stagiun.

El schula, tila lʼattenziun de biadis e carschi dil rosch…

     - Buobs, vegni! -

Ruassaivels e segirs manezzan els suandond ses fastitgs…

Il tat stat eri, controllescha cun egl d’expert sche siu rosch seigi cumplets. Gianteren, ei maunca in!

El volva il tgau maiestusamein ornaus dalla liunga corna e cun in schul che fa vegnir suords grescha el:

     - Nua eis, ti furbaz? Neu cheu immediat! -

Igl entir rosch seretegn e mira… il pign, buca pauc surstaus, sedrova de contonscher cun sigliops e svelts sco’l cametg

ses cumpogns, seferma lu denton anetgamein.

Enzatgei sut sias tschaccas blochescha el sil fiat. Cun in’egliada sepiarsa e tementada mira el entuorn:

Ahhhh! Nua sun jeu pomai setschentaus? Tgei gianter ei quei, zatgei lom, leischen e freid?

Tgi? Tgi ni tgei tschaffa mei e retegn tschaccas e combas?

Senza semuentar mira el sin ses cumpogns… igl emprem sin in, lu sin in secund, e lu aunc sin in auter… ses frars pli gronds lahrognan davos noda e sgregnan tuts enina siper el:

     - Allè, tgagiacaultschas!! Quei ei neiv, mo neeeeeeivvvvv!! -


Saver tschaffar en maletgs quels muments, quellas creatiras silenziusas, quellas perdetgas extraordinarias digl art de surviver ei mia passiun. Neu cun mei, jeu accumpognel tei en miu mund. Sin mes cuolms. En cumpignia dil Retg dellas Alps, catschaus dal desideri irresistibel de puspei s’appropriar della greppa e dellas cafuglias e cafottas che neiv e glatsch vevan curclau duront in liung unviern…






DAI!  DAI!  FATTI SOTTO SE NE HAI IL CORAGGIO!!!   TSCHA, NEU, SCHE TI HAS CURASCHA!!!

Io sono nata molte primavere fa a Lugano.


La mia professione Visual Designer. Formazione conseguita a Berna e in seguito svolta a Berna, Losanna, Engadina e Ticino.


Il mio lavoro mi ha permesso di imparare e vivere allo stretto contatto con la fotografia. Dalle camere oscure, alle più moderne tecniche digitali per la post produzione di immagini fine-art.




Jeu sun naschida avon biaras primaveras a Ligiaun.


Jeu sun Visual Designer. Jeu hai studegiau a Berna, lu luvrau sil mistregn a Berna, a Losanna, en Engiadina ed el Tessin.


Mia lavur ha lubiu a mi ded emprender e de viver en stretg contact cul fotografar. Naven dellas combras stgiras tochen allas tecnicas digitalas las pli modernas per la postproducziun de maletgs fine-art.